Branca


Oculistica

Prenotazione


Obbligatoria

Regime


Privato

Prep. esame


Apri PDF

Referto


Immediato

Si definisce “campo visivo” quella porzione di spazio percepita da un occhio immobile. La valutazione del campo visivo esprime l’ampiezza della zona laterale, superiore ed inferiore, all’interno della quale l’occhio è in grado di vedere. Un occhio sano estende il suo campo visivo di 90° verso la tempia, di 60° verso il naso e verso l’alto, e circa di 70° verso il basso.

Durante l’esame (eseguito singolarmente su un solo occhio alla volta), il paziente è posizionato con il volto appoggiato davanti ad uno strumento costituito da una cupola rivolta verso il volto del soggetto all’interno della quale vengono emessi piccoli segnali luminosi in posizioni diverse. Lo scopo è quello di valutare la capacità del soggetto di percepire tali segnali e di comunicarlo al medico premendo un pulsate.

Principalmente questo esame viene consigliato con cadenza periodica in pazienti affetti da glaucoma, con alterazione della pressione oculare, o in caso di alcuni tipi di malattie della retina. A volte questo esame può essere richiesto dal neurologo, per valutare eventuali danni alle vie che vanno dall’occhio al cervello e fino alla corteccia visiva.